Il gruppo del Pd in Consiglio regionale aderisce allo sciopero generale del primo dicembre. «Bloccare la manovra del governo contro il Sud e i ceti deboli»

Il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Mimmo Bevacqua annuncia l’adesione dei consiglieri dem allo sciopero generale indetto nelle Regioni del Mezzogiorno dalla Cgil e dalla Uil per il prossimo primo dicembre.
«Uno sciopero inevitabile – spiega Bevacqua tramite una nota stampa – per tentare di bloccare e cambiare una manovra di bilancio che dimentica il Sud e si accanisce con i ceti più deboli della popolazione. Condividiamo dunque le ragioni che hanno portato i sindacati ad indire e difendere lo sciopero generale, nonostante le precettazioni antidemocratiche del ministro Salvini. Alzare i salari, estendere i diritti e contrastare una legge di bilancio che non ferma il drammatico impoverimento di lavoratrici, lavoratori, pensionate e pensionati e non offre futuro ai giovani. E a sostegno di un’altra politica economica, sociale e contrattuale, che non solo è possibile ma necessaria e urgente».
«Serve mettere un argine alla deriva intrapresa dal governo Meloni – conclude il caapogruppo dem – che si appresta inoltre a varare l’autonomia differenziata senza che siano stati definiti i Lep. Un altro provvedimento contro il Sud che avrebbe invece necessità estrema di tornare priorità nell’agenda di governo».

close

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere le news direttamente nella tua casella di posta.

Privacy policy